My Cart

You have no items in your shopping cart.

Melani, J.: Il potestà di Colognole

Jacopo Melani
Il potestà di Colognole
Edited by James Leve
Y2-014
Melani, J.: Il potestà di Colognole
Full Score (2005)
978-0-89579-568-7
9x12, c + 241 pp.

Availability: In stock

$160.00
Share

Performance Parts

Availability: In stock

Y2-014R
Rental Parts (2015)
Set of 8 parts: 0000 0000 33011
The work presented in this volume is the first Florentine comic opera and one of only two with extant music. Il potestà di Colognole established a number of comic opera conventions, including the use of dialect. The opera's composer, Jacopo Melani, and librettist, Giovanni Andrea Moniglia, were dominant figures in early Florentine comic opera. The music of Il potestà di Colognole reveals Melani's deft handling of the dramatic demands of comic theater, and the libretto attests to Moniglia's wit and innovative dramatic design. This volume, the first modern edition of an authentic comic opera from the seventeenth century, is an invaluable resource to both scholars and performers. It includes an English translation of the text along with the philological explanations provided by Moniglia in the 1689 edition of his collected dramatic works.
Atto primo
  Scena prima (Isabella, Lisa): "Son le piume acuti strali"
  Scena seconda (Lisa sola): "Ah pur troppo il conosco"
  Scena terza (Ciapo, Flavio): "Padrone, gli annoval vanno si magheri"
  Scena quarta (Flavio solo): "Benché certo di morire"
  Scena quinta (Lisa, Flavio): "Ecco Leandro"
  Scena sesta (Flavio solo): "Ad aprir questa carta"
  Scena settima (Leandro, Flavio): "Flavio, tanto veloce?"
  Scena ottava (Leandro solo): "Così dunque, crudele"
  Scena nona (Tancia sola): "S'io miro il volto del mio bel Ciapino"
  Scena decima (Isabella, Tancia): "Verde prato, se fremente"
  Scena decima prima (Tancia sola): "Non c'è da ficcar chiodo"
  Scena decima seconda (Desso, Tancia): "Sorte mia, se la natura"
  Scena decima terza (Ciapo, Tancia, Desso): "Di vetta quel burrone"
  Scena decima quarta (Desso solo): "Tu me la pagherai"
  Scena decima quinta (Bruscolo, Desso): "Tolga a me l'oro e l'argento"
  Scena decima sesta (Bruscolo solo): "L'uom che per necessità"
  Scena decima settima (Desso, Bruscolo): "E io t'aspetto qua"
  Scena decima ottava (Leandro solo): "In grembo a Dori"
  Scena decima nona (Isabella, Leandro): "Leandro?"
  Scena vigesima (Isabella sola): "Lassa, che fo?"
  Scena vigesima prima (Flavio, Isabella): "E pur dal vostro volto"
  Scena vigesima seconda (Flavio solo): "Pur troppo è vero"
  Scena vigesima terza (Desso, Bruscolo): "Niente di più pretendo"
  Scena vigesima quarta (Gora sola): "Povertad'e vecchiezza?"
  Scena vigesima quinta (Bruscolo, Gora): "L'incontro è fortunato"
  Scena vigesima sesta (Leandro, Musici, Soldati, Contadini): "Sotto notturno cielo"
  Scena vigesima settima (Anselmo, Leandro, Sopra detti): "Così mezzo fra 'l sonno"
  Scena ultima ([Anselmo], Leandro, Musici, Soldati, Contadini, Sbirri): "Olà, olà, famigli"
 
Atto secondo
  Scena prima (Anselmo, Odoardo): "Dovresti avermi inteso"
  Scena seconda (Anselmo solo): "Per tutto questo giorno"
  Scena terza (Ciapo, Anselmo): "Messere, il ciel vi guati"
  Scena quarta (Anselmo solo): “Finalmente in paese”
  Scena quinta (Desso, Anselmo): “Or ch’i’ son incantato”
  Scena sesta (Desso solo): “A questo vecchio avaro”
  Scena settima (Tancia soloa): “Un disgusto in amor è un boccon aghero”
  Scena ottava (Lisa, Tancia): “Tancia, Tancia”
  Scena nona (Lisa sola): “Che bisbetico male è ’l mal d’amore!”
  Scena decima (Odoardo, Lisa): “Pur troppo vedo veritade espressa”
  Scena decima prima (Lisa sola): “La fortuna per me”
  Scena decima seconda (Isabella, Lisa): “Lisa, com’opportuno”
  Scena decima terza (Isabella sola): “Se non giova esser fedele”
  Scena decima quarta (Leandro, Isabella): “Misero, per dovunque il passo giro”
  Scena decima quinta (Leandro solo): “Ferma il passo”
  Scena decima sesta (Desso solo): “Nel giuoco di fortuna”
  Scena decima settima (Bruscolo, Desso): “Finché non la si scopre”
  Scena decima ottava (Desso solo): “Che ventura”
  Scena decima nona (Ciapo, Desso): “Talor la granocchiella nel pantano”
  Scena vigesima (Desso solo): “Come son giunto presto?”
  Scena vigesima prima (Bruscolo, Desso): “E che fracasso è questo?”
  Scena vigesima seconda (Desso solo): “Per tormi dal periglio”
  Scena vigesima terza (Tancia, Desso): “Io mio povero Ciapo”
  Scena vigesima quarta (Bruscolo, Desso): “Gran fortuna è la mia”
  Scena vigesima quinta (Gora sola): “Mi va peggio un dì che l’altro”
  Scena vigesima sesta (Flavio, Gora): “Come benigna sorte”
  Scena vigesima settima (Flavio solo): “Corrispondenti amori”
  Scena vigesima ottava (Lisa, Flavio): “Piango, ma con le lagrime nel core”
  Scena vigesima nona (Flavio solo): “Un bel guardo lusinghiero”
  Scena trigesima (Bruscolo, Flavio): “A fé ch’io ho aggiustato”
  Scena trigesima prima (Bruscolo solo): “Oh quanto me ne rido”
  Scena trigesima seconda (Leandro solo): “È risoluto il mio core”
  Scena trigesima terza (Isabella, Leandro): “Dolor, lascia ch’io parli e poi m’uccidi”
  Scena trigesima quarta (Anselmo, Leandro, Isabella): “Scusin s’io le disturbo”
  Scena trigesima quinta (Leandro solo): “Mio disperato amore”
  Scena trigesima sesta (Bruscolo, Leandro): “Padrone, ho da narrarvi”
  Scena trigesima settima (Leandro solo): “In amor l’usar inganni”
  Scena trigesima ottava (Tancia, Ciapo): “Accomida i sedili”
  Scena ultima (Flavio, Leandro, Anselmo, Bruscolo, Isabella, Tancia, Lisa, Ciapo, Truppa di ballerini): “Compatischin signori”
 
Atto terzo
  Scena prima (Leandro, Bruscolo): “Con sì belle apparenze”
  Scena seconda (Bruscolo solo): “Di così grand’impresa”
  Scena terza (Moro, Bruscolo): “Più durar io non la posso”
  Scena quarta (Tancia sola): “Questo mondo”
  Scena quinta (Isabella sola): “Perché ratto il mio pensiero”
  Scena sesta (Leandro, Isabella): “Finché non giunga a voi quest’alma amante”
  Scena settima (Desso solo): “Il medico mi dice”
  Scena ottava (Desso, Tancia): “Laetificat”
  Scena nona (Bruscolo, Leandro, Moro, Desso dormendo, Due zappatori): “L’ora è quasi vicina”
  Scena decima (Anselmo con la lanterna, Leandro, Bruscolo, Moro, Desso dormendo, Zappatori): “Oh che gran buio scuro!”
  Scena decima prima (Desso, Moro): “Ma dove so io?”
  Scena decima seconda (Desso solo): “Ohimè, per darmi conforto”
  Scena decima terza (Bruscolo, Desso): “In fin voglio chiarirmi”
  Scena decima quarta (Bruscolo solo): “Per anco la fortuna”
  Scena decima quinta (Odoardo, Flavio): “Qual potente cagione”
  Scena decima sesta (Gora, Odoardo, Flavio): “Per trovar Odoardo invan m’aggiro”
  Scena decima settima (Flavio solo): “Soffra chi vuol gioire”
  Scena decima ottava (Anselmo solo): “Per dov’il passo muovo”
  Scena decima nona (Bruscolo, Anselmo): “A tempo Anselmo trovo”
  Scena vigesima (Anselmo solo): “Chi vuol meglio?”
  Scena vigesima prima (Ciapo, Flavio): “Quel bucello, padrone”
  Scena vigesima seconda (Flavio, Leandro, Ciapo): “Servo al signor Leandro”
  Scena vigesima terza (Anselmo, Odoardo, Flavio, Leandro, Ciapo): “Già ch’è vostra figliola”
  Scena vigesima quarta (Lisa, Odoardo, Flavio, Anselmo, Leandro, Ciapo, Isabella, Tancia, Gora): “Signor padre, mi paghi un po’ di fiera?”
  Scena vigesima quinta (Bruscolo, Desso, e i sopradetti): “A tempo giungi”
  Scena ultima (Lisa, Isabella, Leandro, Flavio): “Ma poi ch’in questo giorno”
Hendrik Schulze, Early Music, Nov. 2006.
© 2018 All Rights Reserved A-R Editions